Tu sei qui

Superbonus: ecco le regole

Ormai il Superbonus è una realtà acquisita da molti soggetti.
C’è chi ci crede veramente, come il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro che ne è l’artefice principale.
Gli obiettivi del governo sono la crescita economica all’insegna della sostenibilità in tempi di coronavirus, capace perfino di risollevare il PIL.
Basterà a cancellare la rassegnazione nel mondo del mattone?
Forse sì perché molti ne parlano e si sta creando la consapevolezza di una opportunità unica.
In questo articolo, altre indicazioni per segnalare le dovute attenzioni ai paletti più insidiosi: la documentazione e gli aspetti burocratici…

Superbonus: ecco le regole

Complicata e laboriosa ma occhio ai furbetti
SUPERBONUS: ECCO LE REGOLE
I massimali di spesa e la documentazione tecnica

C’è già qualche perplessità sul Superbonus?
L’entusiasmo iniziale non cede ancora alle perplessità e ai dubbi.
Prima di decidere per il “Superbonus” i dubbi sono legittimi. Quali?
I tempi limitati, l’obiettivo di due classi energetiche, reperire il soggetto che si accolla il credito verso lo Stato ed altri ancora…
Con questo terzo articolo circa il Superbonus, cerchiamo di chiarire ciò che era ancora rimasto nell’incertezza, iniziando proprio dai “vantaggi”.

I vantaggi
I vantaggi di questa opportunità, unica perché offre la gratuità degli interventi e per le condizioni della detrazione, sono molti e del tutto innovativi.
Tra i vantaggi sicuramente ci sono:

  • Il recupero del credito in cinque anni
  • In alternativa lo sconto immediato in fattura
  • L’opportunità della intera cessione del credito

A parte il “credito” un altro significativo vantaggio è l’ampio spettro dei soggetti beneficiari.
Infatti non è rivolto solo ai proprietari ma anche ai detentori a qualsiasi titolo dell’immobile (usufruttuari, inquilini, comodatari ecc.)
Particolarmente interessati possono essere i condomini ma anche le persone fisiche, tranne i professionisti che ne possono beneficiare per i soli immobili posseduti ad uso privato.

Le condizioni
Le condizioni principali sono quelle di conseguire due gradini nella scala energetica o che ne riducano0 il rischio sismico.
Le spese riconosciute, inoltre, debbono essere comprese nel periodo 1° luglio 2020 - 31 dicembre 2021: questo limite si scontra –ovviamente– con la disponibilità di ditte specializzate che rischiano di trovarsi sommerse di ordinativi, senza la possibilità di eseguirli per tempo. Sembra peraltro allo studio la possibilità di spostare la scadenza fino all’anno 2023.
Sono inoltre esclusi dal bonus gli immobili di lusso, ville e castelli.

La spesa massima
La spesa per ogni intervento è indicata nel prospetto allegato che stabilisce gli importi massimi per tipo di spesa in rapporto ad ogni abitazione.

La documentazione
Una particolare attenzione dovrà essere riservata alla documentazione necessaria.
A questo proposito, a fine articolo, indicheremo due link attraverso i quali sarà possibile accedere agli indirizzi utili presso la Provincia Autonoma di Trento ed alla apposita circolare emessa dall’Agenzia delle Entrate.
Per poter beneficiare del vantaggio fiscale il tecnico deve asseverare i costi massimi per tipologia di intervento attraverso i prezziari regionali o quelli commerciali. A tale proposito il decreto chiarisce numerosi aspetti per stabilire la congruità dell’intervento rispetto alla spesa.
I prezziari da utilizzare vanno da quelli disposti da regioni a quello delle province autonome fino a quelli editi dal genio civile. Se i prezzi non fossero disponibili occorre determinare i costi in forma analitica.
Le sanzioni per i “furbetti” sono piuttosto salate: per ciascuna attestazione infedele possono variare da € 2.000 a € 15.000.
La documentazione deve quindi essere precisa e completa perché comprende le attestazioni, il bonifico tracciabile, il visto di conformità, l’asseverazione le fatture e le ricevute fiscali.

I lavori del Superbonus ed i massimali di spesa

Circolari e siti da consultare
L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare esplicativa molta chiara e circostanziata. Si tratta della circolare n° 24/E datata “Roma 08 agosto 2020".
Analoghe informazioni si possono reperire su:
https://infoenergia.provincia.tn.it/Finanziamenti-riqualificazione-energetica/Finanziamenti/Superbonus-110-2020-Detrazioni-fiscali