Tu sei qui

Coronavirus: verso la normalità

Il Presidente Cova spiega agli iscritti com’è cambiata l’attività del Collegio nel tempo del coronavirus.

Coronavirus: verso la normalità

Il Collegio durante il lockdown
CORONAVIRUS: VERSO LA NORMALITÀ
Dal Presidente Stefano Cova

Nonostante quest’emergenza abbia colto tutti di sorpresa, trovandoci impreparati a gestire un evento di tale portata, il Consiglio di Amministrazione e la Segreteria si sono immediatamente attivati per soddisfare i due principali obiettivi:

  • garantire le opportune condizioni di salubrità e sicurezza degli uffici del Collegio sia per il personale, ma anche per gli amministratori e l’utenza;
  • mantenere attivo il servizio di supporto ed il collegamento con gli iscritti. 

Per il raggiungimento del primo obiettivo, oltre a garantire le più opportune condizioni di salubrità e sicurezza degli uffici (disinfettanti, areazione, sanificazione dei locali, distanze di sicurezza…) è stato necessario rimodulare l’organizzazione del lavoro attraverso la riduzione della presenza fisica del personale nel luogo di lavoro ed escludere, salvo situazioni eccezionali, l’accesso al pubblico alla sede del Collegio. 

È stata quindi favorita l’adozione della modalità di lavoro agile in orario pomeridiano, utile anche a conciliare esigenze familiari del personale e piani di rotazione dei dipendenti che alternativamente lavorando da casa, limitano la copresenza di più persone negli stessi spazi.

L’attività posta in essere per garantire il primario obiettivo di salvaguardia della salute, non ha mai perso di vista la volontà di continuare a mantenere attivo il collegamento con gli iscritti, erogando telefonicamente e da remoto tutti i servizi di supporto alla categoria.

Le richieste degli iscritti vengono evase praticamente in tempo reale attraverso la posta elettronica e telefonicamente ed è stata mantenuta la comunicazione con i professionisti intensificando l’invio di newsletters informative. 
Con le dovute misure di sicurezza sono stati garantiti anche il servizio di consegna dei dispositivi per la firma digitale e la consegna dei timbri ai neo-iscritti.

In breve tempo sedute di Consiglio, incontri e riunioni sono state organizzate con modalità a distanza. Allo stesso modo il Consiglio di Amministrazione ha partecipato a video-riunioni e mantenuto costante il collegamento con i referenti provinciali e comunali impegnati a definire misure connesse all’emergenza epidemiologica per garantire la sicurezza di professionisti, lavoratori, cittadini oltre a porre le basi per la prossima ripartenza della vita economica e sociale della nostra comunità. 

Il Collegio, attraverso la Cooperativa Dimensione Professionisti, si è inoltre impegnato per l’attivazione di corsi a distanza che prenderanno il via a partire dai primi giorni di giugno, nell’intento di continuare ad offrire agli iscritti una formazione di elevata qualità. 

L’emergenza ha richiesto l’assunzione di misure immediate che hanno modificato profondamente abitudini personali e lavorative, modificazioni rese possibili dalle nuove tecnologie che ci hanno permesso in modo diverso di continuare a comunicare. 
Ma si tratta di cambiamenti importanti che siamo consapevoli hanno bisogno di tempo e gradualità per riuscire a rispondere al meglio alle esigenze di tutti.

Anche per questo, con il miglioramento della situazione sanitaria, auspichiamo di poter progressivamente ritornare alla normalità, ripristinando progressivamente tutte le consuete attività in presenza, nell’intento di dare adeguato sostegno alla ripresa ed alla ripartenza delle attività professionali.

Concludo ringraziando di cuore le nostre Segretarie ed il Consiglio di Amministrazione per la collaborazione nel gestire l’attività del Collegio e nell’assicurare la necessaria consulenza agli iscritti, soprattutto nelle fasi più critiche dell’emergenza sanitaria.

Il presidente: geom. Stefano Cova