Tu sei qui

Serata con i topografi bavaresi

Lese auf deutsch

Questa volta il Collega Lun ha partecipato all’incontro dei topografi bavaresi iscritti alla “Verein Deutscher Vermessungsingenieure”. Una serata con temi importanti, resa simpatica dalla suggestiva atmosfera del ritrovo ma anche dalle prevalenti rappresentanti del gentil sesso.
Un utile confronto con le nostre attività, ma soprattutto utile per spiegare come la geodesia, la fotogrammetria e le tecniche 3D possano fornire ai politici utili strumenti per la realizzazione delle Smart City.
Potrebbe servire anche in Italia?
Si ringrazia il Collega Lun per la collaborazione a “Prospettive geometri” ed ancor più per avere gentilmente fornito anche la versione in tedesco.

Serata con i topografi bavaresi

Con la geodesia si discute della Smart City
SERATA CON I TOPOGRAFI BAVARESI
Johann Martin Lun, ospite d’onore

Martedì 7 maggio 2019, verso le 18:30 si sono riuniti a Monaco di Baviera i topografi bavaresi del VDV – Associazione Geometri Tedeschi - al Ristorante Siebenbrunn nel quartiere di Thalkirchen. In Baviera i soci del VDV sono 418, in tutta la Germania sono oltre 6.500. La sezione di Monaco in questo momento conta 230 iscritti, presenti alla riunione erano poco più di una ventina. Se raffrontiamo la Baviera, 70.500 km² con 13 milioni di abitanti, con il Trentino-Alto Adige, che conta 13.607 km e 1,07 milioni di abitanti, i Topografi Associati nella nostra Regione sono numericamente pressappoco  uguali a quelli iscritti in Baviera. Diversamente dalla Baviera la TPG – Associazione Topografi Trentino – Alto Adige, che conta in questo periodo oltre trenta iscritti, questi sono esclusivamente liberi professionisti. Nel VDV invece ci sono anche geometri che lavorano al Catasto, nelle imprese, in Studi Tecnici ed anche nelle Università. Sarebbe auspicabile che anche da noi, che geometri impiegati al Catasto o dipendenti d’imprese, potessero iscriversi come soci simpatizzanti alla TPG e rafforzassero così l’immagine del topografo nella nostra Regione.
La sezione di Monaco organizza ogni anno da tre a quattro incontri (Stammtisch), i prossimi sono previsti l’11 settembre e il 14 novembre, dove i geometri possono parlare del loro lavoro, scambiarsi le loro esperienze e bere ovviamente la buona birra bavarese. Oltre a questo, di volta in volta, sono organizzate anche delle escursioni tecniche molto interessanti.  Io ho avuto modo l’anno scorso di partecipare a un’escursione sulla Zugspitze, la più alta montagna tedesca ai confini con l’Austria, alta 2962 m. Qui abbiamo visitato i laboratori scientifici della Schneefernerhaus e  visitato un tunnel che serve per controllare regolarmente lo stato del permafrost. Inoltre abbiamo potuto seguire una relazione sui lavori topografici per la nuova funivia della Zugspitze. Un’altra escursione ci ha permesso di visitare il laboratorio geodetico dell’università dell’esercito Tedesco a Neubiberg nei pressi di Monaco. Ambedue le visite mi sono piaciute molto.

Serata con i topografi bavaresi
Serata con i topografi bavaresi

All’inizio della serata, verso le 19:00, la signora Mandana Moshrefzadeh della TUM, Università Tecnica di Monaco, presumo di nazionalità iraniana, ha tenuto una relazione molto interessante sul tema delle Smart Cities. Che cosa sono le Smart Cities e cosa hanno a che fare con la geodesia? Vi sono definizioni molto diverse su cosa si intende per Smart Cities nelle varie comunità scientifiche nazionali. Immaginiamo un po’, se mettessimo insieme alcune grandi città come Milano, Singapore, Vienna, San Francisco, Roma, San Pietroburgo e Shanghai e le confrontassimo per quanto riguarda il consumo energetico, la mobilità, l’ambiente, le tasse, il prezzo degli affitti ecc. ovviamente potremmo vedere e valutare le differenze esistenti. La scienza geodetica con la fotogrammetria, le tecniche 3D, si propone di dare ai politici degli strumenti affinché essi possano migliorare lo stato delle loro città nell’interesse dei loro cittadini. Una Smart City è quella città dove tutto funziona, dove il cittadino si sente bene e dove gli piace vivere. Sembra che al momento Vienna sia la città più Smart del mondo. Dalla relazione della signora Moshrefzadeh è risultato, che negli Emirati Arabi abbiano costruito una città secondo le esigenze di una Smart City, però nessuno ci vuole andare ad abitare. Perché? Perché è risultato che una Smart City, dove c’è il risparmio energetico, dove circolano automobili Tesla elettriche, dove l’ambiente è tutelato al massimo, dove tutto funziona, costa troppo e solo pochi se lo possono permettere. In Germania molti vorrebbero andare a vivere a Monaco di Baviera, ma gli affitti sono molto alti. Lo stesso succede anche in altre città tedesche. Ad Amburgo e a Berlino ci sono state già molte proteste  in strada dei cittadini perché la gente non riesce più a pagare gli affitti esorbitanti. Ovviamente il problema non è attuale solo in Germania, un’alta qualità della vita è molto richiesta e ciò occuperà sempre più anche la scienza. Modelli di città in 3D e tecnologie sensoriali saranno sempre la base di soluzioni per le Smart Cities. Alla INTERGEO 2019, la più grande fiera per prodotti geodetici del mondo, che si terrà quest’anno a Stoccarda nello Baden-Württemberg, ci si può informare dal 17 al 19 settembre sulla piattaforma Smart City Solutions. 
La sezione di Monaco del VDV ha buoni contatti con l’ambiente universitario. Riunioni come si possono fare a Monaco dove la mobilità con bus, tram, ciclabili, metropolitane è ottima. Ciò non sussiste nella stessa maniera in Trentino-Alto Adige. Anche l’organizzazione di una riunione a Trento o a Bolzano è problematica. Pensiamo a un collega che da Brunico deve andare a Trento oppure uno da Borgo Valsugana a Silandro, ci vuole quasi una mezza giornata. Una cosa però sarebbe auspicabile, instaurare anche da noi dei rapporti con le università di Trento e Bolzano e magari poter seguire relazioni universitarie interessanti per il mondo dei topografi e dei geometri.
Dopo la relazione la presidente della sezione VDV di Monaco, Lisa Knopp, ha passato la parola al presidente VDV della Baviera, Frank Pöhlmann, venuto appositamente da Würzburg, che ha porto i suoi saluti ai presenti. È seguita l’assemblea ordinaria della sezione di Monaco, dove sono stati eletti, il consiglio direttivo, il tesoriere e i revisori dei conti. È stato onorato un socio per i suoi quaranta anni di appartenenza al VDV e sono stati discussi problemi vari. La serata è terminata con una grande portata di piatti freddi, birra ma anche bibite analcoliche. È stata una bella serata che spero poter ripetere a settembre.

Serata con i topografi bavaresi
Serata con i topografi bavaresi
Serata con i topografi bavaresi
Serata con i topografi bavaresi