Tu sei qui

Non sai cos’è reoco?

Finalmente una boccata di ossigeno per vecchi immobili, cantieri abbandonati, alberghi in disuso. Insomma per quel numero impressionante di “zavorra immobiliare” che perfino le aste giudiziarie stentano a disfarsi se pure a prezzi ridicoli.
Ecco una iniziativa geniale, già partita anche in Italia.

Non sai cos’è reoco?

Già centinaia di esempi in Italia
NON SAI COS’È REOCO?
Comperare a basso prezzo per poi valorizzare

Immobili delle aste: non più rottami
È inutile ricorrere al vecchio vocabolario per cercare il significato della parola “reoco”, anche perché non è una parola ma un acronimo.
Ovviamente il termine non può essere che inglese ed infatti “reoco” sta per “real estate owned compasny”.
E se volessimo dirlo in parole povere, sarebbe una società, costituita internamente ad una banca, che va in asta, compera un immobile –che era stato originariamente dato in garanzia alla banca– al fine di evitare che il valore della garanzia si depauperi.

La valorizzazione
Presto detto, ma com’è possibile “valorizzare” un immobile –magari abbandonato da anni– per trasformarlo da perdita in asset?
L’operazione avviene attraverso la ristrutturazione, oppure il cambio della destinazione d’uso ma anche –più semplicemente– eliminando tutte le sue criticità.
In questo modo sarà più facile affittare l’immobile o reimmetterlo sul mercato non più a “prezzi stracciati”.
Operazioni simili sono state realizzate con successo all’estero ma anche in Italia.

Esperienze in Italia
È ovvio che tali operazioni richiedono investimenti e competenze.
Soprattutto competenze, nel settore immobiliare sia per procedere alle valutazioni, ma anche alla gestione per l’acquisto, alla valorizzazione e alla regolarizzazione fino alla vendita attraverso i canali più opportuni.
In Italia si è distinta in queste operazioni la Intrum Italy società partecipata da Intesa Sanpaolo che nel solo 2019 ha movimentato oltre 1.000 immobili.

Prospettive per i tecnici
Non c’è chi non veda in questo genere di operazioni grandi prospettive di lavoro per i tecnici.
La gestione, la stima, le analisi preliminari, le previsioni di spesa, i progetti e la conduzione dei lavori sono tutte attività dei tecnici e proprio grazie alle “reoco” immobili in disuso, cantieri abbandonati, alberghi dismessi, fabbricati fuori norma ed energivori possono diventare oggetto di un mercato interessato e vivace.
In questo modo si sottrae ad una fine ingloriosa tantissimi immobili finora rimasti nei crediti in sofferenza delle banche.