Tu sei qui

GEO-C.A.M.: a Pesaro vince una trentina

A livello nazionale Ursula Vivori del Collegio di Trento si è aggiudicata il primo posto nella competizione nazionale di mediazione "si vince tutti o nessuno!". 
Assieme al collega di Verona, Claudio Savoia, ha prevalso tra le 16 squadre in gara. 
Vediamo come "giocando" si può giungere ad una formazione di eccellenza.

GEO-C.A.M.: a Pesaro vince una trentina

Geom. Masè Michele, Geom. Carli Davide, Vice Presidente GEO-C.A.M. Geom. Quici Armando

Simulazione e competizione per ottimizzare la "mediazione"
GEO-C.A.M.: A PESARO VINCE UNA TRENTINA
La coppia di Trento e Verona prima su 16

Si è svolta a Pesaro dal 12 al 14 settembre la sesta competizione italiana di mediazione delle sezioni GEO-C.A.M. (Organismo di mediazione interprofessionale che opera a livello nazionale con sedi attive a livello locale).

Evento organizzato dal Consiglio direttivo di GEO-C.A.M., in collaborazione con il Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Pesaro e Urbino, con il patrocinio del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Cassa Geometri, Provincia di Pesaro e Comune di Pesaro.
Alla competizione di quest'anno hanno partecipato 16 squadre, di cui 6 provenienti dal triveneto:

  • squadra di Trento composta dai geometri Davide Carli e Michele Masè;
  • squadra mista Trento/Verona composta dai geometri Ursula Vivori e Claudio Savoia;
  • squadra di Verona composta dai geometri Alessandro Donadi e Massimo Scarpa;
  • squadra di Rovigo 1 composta dal geometra Caterina Ferrari e dall'Avv. Giulia Turchetti;
  • squadra di Rovigo 2 composta dal geometra Paolo Guidetti e dallo studente della facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Rovigo, Luigi Imbesi che ha partecipato alla 7°CIM di Milano.
  • squadra di Udine composta dai geometri Luca Tomasin e De Cecco Glauco

Le prime due squadre si sono trovate ad affrontare nell’ultima giornata di sabato le squadre di Milano e Ravenna 1 nelle semifinali dopo essersi posizionate al termine dei 4 gironi iniziali: Trento al 3° posto e Trento-Verona al 1° posto pari merito con Ravenna 1.

Geom. Masè Michele, Geom. Carli Davide, Vice Presidente GEO-C.A.M. Geom. Quici ArmandoI geometri Ursula Vivori della sezione di Trento e Claudio Savoia della sezione di Verona, hanno conquistato il primo posto dopo la semifinale con la squadra di Ravenna e la finale con la squadra di Milano e sono stati premiati al Consigliere di Amministrazione di Cassa Geometri Carlo Cecchetelli.
A valutare le squadre, professionisti mediatori di altri organismi di mediazione che in queste tre giornate si sono alternati nelle varie fasi della competizione.
La manifestazione si è svolta nella meravigliosa cornice del Palazzo Gradari a Pesaro ed ha visto vari momenti di confronto: non solo competizione, ma anche trattazione di argomenti su tematiche diverse.

GEO-C.A.M.: a Pesaro vince una trentina

Geom. Savoia Claudio, Geom. Vivori Ursula, Consigliere Cassa Geometri Geom. Cecchetelli Carlo

GEO-C.A.M.: a Pesaro vince una trentina

Semifinale: Trento - Milano 

Nella giornata di venerdì, infatti si è svolta una tavola rotonda sulle figure professionali del CTM(Consulente Tecnico nella Mediazione) e Ausiliario, figure professionali che possono intervenire durante la procedura di mediazione e che svolgono quelle attività, che non spettano al mediatore, ma necessarie per riuscire ad ottenere un accordo valido ed efficace al contenzioso.
Moderatore: Vircillo Filippo, Presidente GEO-C.A.M., relatori: Cafiero Alessandro, Vice Presidente AIF(Associazione Italiana Formatori), Matteucci Giovanni, formatore pratico e teorico di mediazione, Campagna Alberto, Responsabile gruppo GEO-C.A.M. CTU-CTM (Cnsulente tecnico d’ufficio, Consulente tecnico nella mediazione).
Si è poi proseguiti con un workshop “i registri qualificati della GEO-C.A.M., il progetto C.T.M.”
La seconda tavola rotonda aveva invece come tema: ”L’uso di tecniche d’aula in formazione”.
Moderatore Massa Claudia, Consigliere nazionale AIF, Relatori: Cafiero Alessandro Vice Presidente AIF, Filippo Vircillo, Consigliere nazionale AIF.
In questo contesto un gruppo di lavoro ha presentato un gioco d’aula: “GEOcubix” a cura di Levante Formazione con Savoia Claudio, Ferrari Caterina, Vivori Ursula, Turchetti Giulia, Paiola Elena, Rabiti Raffaella, Guidetti Paolo, Tomasin Luca e Vircillo Filippo.
Durante la manifestazione era poi presente anche il Consigliere del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Enrico Rispoli che ha confermato il supporto alla mediazione, da parte della categoria professionale. 
È stato inoltre consegnato il premio GEO-Camminiamo all’Associazione “T’immagini Onlus” che promuove la terapia del sorriso presso i reparti di pediatria ed il pronto soccorso negli ospedali di Pesaro, Fano e Roma.
Oltre agli eventi sopra citati, non possiamo dimenticare che la competizione stessa rappresenta un momento di alta formazione, non per la gara in se, ma per l'impegno che essa rappresenta.
Nelle stanze del palazzo le squadre si sono sfidate in una serie di mediazioni simulate, con lo scopo di dimostrare le loro capacità a negoziare controversie in modo cooperativo ed efficace. Questo tipo di simulazioni vengono fatte con l'intenzione non di giudicare i partecipanti nel ruolo di mediatori ma bensì la loro capacita di essere essi stessi parte attiva del processo di mediazione, facendo proprio il vissuto, gli interessi e le speranze delle parti in mediazione. 
Partecipare con squadre che siano complete il più possibile è stato fondamentale ma non dal punto di vista del grado di preparazione accademica ma dalla qualità della propria umanità. Ogni simulazione è calibrata su possibili procedure reali dove in gioco non ci sono solamente interessi economici ma anche paure ed interessi emotivi. Ad esempio, nessuno meglio di una donna può capire come si sente la sposa che il giorno del matrimonio ha visto il proprio trucco ed acconciatura rovinarsi a causa di un parrucchiere affrettato e trovarsi a chiedere il risarcimento per un servizio fotografico da dimenticare; oppure il rapporto di amicizia tra due socie da una vita che devono rinegoziare le quote societarie perché una di loro si trova a dover cedere l'attività ai figli per dedicarsi al marito malato. Un altro caso ha visto invece due amici d'infanzia rischiare di allontanarsi per sempre a causa di un dissidio o due soci che volevano chiudere la comunione societaria perché non più in grado di parlarsi a vicenda se non litigando. Ecco, per tutto questo non c'è studio che possa aiutare ma solo la pratica di empatia ed apertura verso gli altri.

Una manifestazione che per chi partecipa non è solo competizione, ma soprattutto un momento di formazione, crescita professionale e condivisione di un progetto importante nel quali tutti i presenti credono: DIFFONDERE LO STRUMENTO DELLA MEDIAZIONE CIVILE come metodo di risoluzione delle controversie. Strumento che permette alle persone di essere i protagonisti, che da loro VOCE e che permette loro di esprimere i propri interessi e lavorare con quelli per chiarire la questione della lite.

Ricordiamo che presso il Collegio è attiva la sezione provinciale GEO-C.A.M., un organismo di mediazione interprofessionale nazionale, iscritta nel Registro del Ministero di Giustizia con il n. 922.
La mediazione può essere obbligatoria su alcune materie per le quali la norma prevede l'obbligatorietà dell'esperimento del tentativo di mediazione prima di poter procedere ad una causa civile e queste sono: condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.
La mediazione può essere delegata dal giudice quando durante un processo, anche in sede di appello, in base allo stato dello stesso, alla natura della causa e al comportamento delle parti, il giudice può disporre l’esperimento del procedimento di mediazione, che è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.
La mediazione può essere volontaria per ogni controversia di natura civile o commerciale, in quanto è possibile rivolgersi ad un organismo di mediazione che metterà a disposizione delle parti le proprie competenze nel tentativo di risolvere la loro controversia.
Per ogni richiesta vi invitiamo a contattare la sezione all’indirizzo trento@geo-cam.it o tramite facebook https://www.facebook.com/geocamtrento/?ref=bookmarks.

GEO-C.A.M.: a Pesaro vince una trentina

La Finale: Trento/Verona - Milano