Tu sei qui

Formarsi responsabilmente, non obbligatoriamente

Bilanci apprezzabili e progetti per il futuro
FORMARSI RESPONSABILMENTE, NON OBBLIGATORIAMENTE
Assemblea del 12 aprile “Dimensione Professionisti scarl”

Non a caso voglio partire proprio da questo titolo che ho voluto dare a questo intervento: lo stesso che ho utilizzato durante la presentazione della mia relazione all’assemblea dei soci della “Dimensione Professionisti Scarl” svoltasi lo scorso 12 aprile.

Formarsi responsabilmente, non obbligatoriamente

Questa è sempre stata la “mission” della nostra cooperativa. Fin dalla sua nascita nel 2007 ha -infatti- cercato di offrire il proprio servizio nella formazione rivolta a tutti gli iscritti, non tanto per l’obbligo imposto dalla Legge o comunque ordinato dall’alto, ma piuttosto per un imprescindibile dovere morale e professionale.
Il servizio proposto garantisce la possibilità concreta a tutti i nostri colleghi di potersi realizzare professionalmente così da offrire alla propria committenza un servizio più qualificato possibile nello svolgimento al meglio degli incarichi affidati.
Di anno in anno questo è infatti l’obiettivo minimo che vede il CdA della Dimensione impegnato per il raggiungimento di questo scopo e degli altri pure indispensabili.
In questa faticosa attività conta molto la collaborazione di grande competenza e disponibilità fornita dalle risorse della segreteria.
Consapevole del momento sicuramente difficile per il settore che ci vede coinvolti professionalmente e conscio che il nostro mestiere spazia in un ampio ventaglio di opportunità positivo ed appetibile anche per le future generazioni, affermo con convinzione che l’accesso al servizio proposto dal Collegio attraverso la Cooperativa risulta di assoluto rilievo e quindi deve essere tenuto in grande considerazione da parte di tutti i Geometri della Provincia.
La Cooperativa è stata creata per tutti e propone una formazione di qualità.
L’offerta formativa presente a livello nazionale e non solo, può essere di sicura attrattiva per diversi motivi, economici e pratici. Sono quindi convinto che una formazione di qualità e di “territorialità” come quella proposta dalla nostra Cooperativa debba essere maggiormente sostenuta per garantire anche in futuro questo supporto essenziale per tutti gli iscritti.
Da un anno il collega Giorgio Ferrari ha dato le dimissioni da presidente; a lui va il mio ringraziamento personale e dell’intera categoria per l’attività ed i risultati conseguiti.
Io gli sono subentrato in qualità di presidente e dal 12 aprile, in occasione dell’assemblea annuale, sono stato riconfermato anche per i prossimi tre anni.
Quindi mi sono di nuovo reso disponibile accettando questo incarico e sperando di svolgerlo nel migliore dei modi assieme ai miei collaboratori.
Ed ora eccomi qua!
La nuova squadra, come le altre che si sono alternate durante l’attività della “Dimensione”, è composta ancora da professionisti che hanno voluto mettersi in gioco in prima persona e mettere a disposizione la propria esperienza per dare un importante contributo alla categoria, impegnandosi nel non facile compito di elaborare e realizzare la nuova formazione da qui al 2021.
Il nuovo CdA è ora composto dal sottoscritto e dai colleghi Bezzi Paolo, Cova Stefano, Nardelli Manuel (vicepresidente) e Periotto Marcello, che ringrazio e con i quali -sono sicuro- si lavorerà al meglio per garantire il miglior servizio possibile a tutti gli iscritti.
Colgo l’occasione per ringraziare i componenti del Cda passato cioè i geometri Ursula Vivori, Remo Cramerotti, Manuel Nardelli e Stefano Cova.
Non solo ma pure il Collegio Sindacale composto dal dott. Dario Ghidoni quale Presidente, dal Geom. Imerio Lorenzini e dalla dott.ssa Marica Dalmonego (Sindaci effettivi), dalla dott.ssa Daniela Dessimoni e dal dott. Alessandro Dalmonego (Sindaci supplenti), nonché del Collegio dei Probiviri, composto dai colleghi Elvio Busatti, Graziano Pizzini ed Armando Versini.
Gli stessi Collegi Sindacale e dei Probiviri, sono stati poi riconfermati in toto durante la stessa assemblea per proseguire l’attività della cooperativa.
Coerentemente con quanto fatto precedentemente si spazierà ancora oltre i trascorsi obiettivi, sia perché lo esige la richiesta di formazione continua obbligatoria per il mantenimento delle diverse abilitazioni, sia per migliorare qualitativamente la proposta formativa generale.
Molteplici sono state le tematiche offerte agli iscritti, che hanno spaziato dall’aggiornamento sulla sicurezza a quello sull’antincendio, dall’amministrazione condominiale all’aggiornamento in materia di mediazione.
Convinti di poter essere propositivi in maniera anche alternativa, abbiamo organizzato corsi di inglese e di Interior Design.
A breve avremo diverse nuove proposte con riferimento alla composizione architettonica, alla progettazione degli edifici salubri, alla Due Diligence Immobiliare, all’utilizzo dei materiali da costruzione tradizionali e nuovi (quali le fibre di carbonio, l’argilla, la fibra di canapa e altri) oltre alle avanzate tecnologie riguardanti l’utilizzo del legno, le tecniche impiantistiche, l’acustica e molte altre materie.
Come in passato, anche nel 2019, la Cooperativa organizza il corso pratico di preparazione agli esami di Stato.
Così come constatato durante l’assemblea, nonostante la notevole offerta formativa messa in campo in questo ultimo anno (addirittura superiore rispetto a quella proposta precedentemente) le adesioni ai corsi sono state notevolmente minori.
Questo ci ha fatto riflettere in merito alla mancanza di partecipazione, dovuta probabilmente anche all’inizio del nuovo triennio (2018 - 2020) di formazione obbligatoria.
Sicuramente la partecipazione ai corsi conosce dei momenti ciclici, in coincidenza dell’inizio e della fine dei trienni formativi. Siamo anche consci che la proposta generale di formazione fatta agli iscritti dagli altri enti di formazione, soprattutto online, può incidere negativamente sulla frequenza dei corsi offerti dalla Cooperativa.
Ferma è la nostra convinzione che l’offerta formativa della Cooperativa risulta di sicura qualità e di preciso interesse per i nostri iscritti: infatti -spesso- sono proprio loro a suggerire lo spunto per gli argomenti e l’organizzazione dei corsi.
Tengo ad evidenziare, anche tramite la riuscitissima rivista online “Prospettive geometri” che il “Corso Formatori” proposto a tutti si è dovuto annullare per la scarsità di adesioni.
A parte la nostra delusione, la cosa dispiace maggiormente perché proprio sulla “formazione” da parte dei nostri colleghi, il CNG punta in maniera precisa e convinta per trasmettere le conoscenze in possesso attraverso i nostri colleghi che hanno raggiunto un alto grado di specializzazione.
Sono fermamente convinto che in questo ambito si dovrà ancora insistere per conseguire una opportunità formativa, ma soprattutto professionale, già raggiunta ed apprezzata da tempo in altre realtà nazionali.
Mi preme informare gli iscritti che non erano presenti all’assemblea, che nonostante una sicura e attenta razionalizzazione dei costi ed una riorganizzazione del personale dipendente nei rapporti col Collegio, il bilancio d’esercizio del 2018 presenta una perdita pari a € 7.460,66.
Le motivazioni che hanno portato a questa situazione sono diverse, in gran parte riferite ai maggiori costi che la Dimensione si è trovata a dover sostenere quest’ultimo anno.
Come detto in precedenza, siamo convinti che tale perdita sia dovuta soprattutto alla minore adesione registrata verso la nostra formazione, a fronte dei normali costi di organizzazione che sono stati sostenuti.
Alla fine del mio intervento, mosso da un sentito senso di gratitudine, voglio porgere un particolare ringraziamento alla Segreteria tutta del Collegio che con forte passione e dedizione ci è stata di fondamentale aiuto per il conseguimento dei diversi obiettivi.
Grazie a tutte voi e viva la Dimensione Professionisti Scarl!