Tu sei qui

CTU vittima di virus e di burocrazia

Ad inizio pandemia Mario Draghi ha raccomandato di semplificare al massimo la burocrazia e le procedure nel tempo dell'emergenza.
Il suo invito non è stato né ascoltato, né raccolto.
Per tutti qualsiasi operazione è diventata più complessa e molti…si sono persi per strada se non espertissimi in informatica.
Il vantaggio c’è stato per diverse categorie di lavoratori, specie quelli dello smart working, molti dei quali hanno mantenuto gli stipendi lavorando molto meno.
Dall’Emilia Romagna provengono –ora– le linee guida di buona prassi per un CTU in tempo di Covid.

CTU vittima di virus e di burocrazia

Linee guida per le operazioni in sicurezza
CTU VITTIMA DI VIRUS E DI BUROCRAZIA
Dall’Emilia Romagna un documento esemplare

La Commissione Ingegneria Forense, Etica e Deontologia della Fed.Ing.ER. (Federazione regionale Ordini Ingegneri dell’Emilia Romagna) ha messo a punto un documento, dal titolo:
“Linee guida di buone prassi per CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali nel corso della pandemia da Covid19 in atto e sino al termine dell’emergenza”.
Lo scopo è quello di uniformare la gestione delle attività degli ausiliari dei Giudici, in relazione alle disposizioni dei decreti emanati dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Infatti a seguito delle disposizioni del dl n. 18/2020, art. 83, diversi Tribunali hanno emanato linee guida e protocolli di intesa per la trattazione di udienze civili e penali nonché per garantire lo svolgimento delle operazioni peritali in piena sicurezza da parte dei consulenti tecnici d’ufficio (CTU).
Quella sotto riportata è solo una sintesi delle linee guida.

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE DA PARTE DEL CTU AL CONFERIMENTO DELL’INCARICO
Durante l’accettazione dell’incarico il CTU chiede al giudice l’autorizzazione a svolgere in videoconferenza le operazioni peritali che non necessitino di adunanza di persone, in modo da privilegiare il lavoro agile.

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI PERITALI
Ricevuto l’incarico e prima di iniziare le attività, il CTU invia una PEC ai difensori delle parti, sottoponendo loro le regole per lo svolgimento delle operazioni peritali in videoconferenza e quelle per lo svolgimento delle operazioni peritali con necessità di riunire persone.

NOTIZIARIO TECNICO: 59 LE REGOLE PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI PERITALI IN VIDEOCONFERENZA
Il consulente tecnico d’ufficio crea sulla piattaforma informatica il gruppo con le persone aventi diritto di partecipare alle riunioni (parti, loro procuratori e CTP regolarmente nominati); il CTU quindi ammetterà alle operazioni peritali solo i soggetti appartenenti al gruppo sopra indicato. Prima di terminare ogni riunione, il CTU invierà una PEC con il verbale (da lui firmato digitalmente) a tutti i partecipanti, i quali lo firmeranno digitalmente e lo restituiranno via PEC. Successivamente il CTU avrà cura di inviare il verbale a tutti gli aventi diritto.

REGOLE PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI PERITALI CON NECESSITÀ DI ADUNANZA DI PERSONE
Il CTU deve predisporre preliminarmente uno specifico verbale con le misure anti-contagio di cui al DPCM del 26 aprile 2020 anche con riferimento alle altre disposizioni locali eventualmente applicabili. Successivamente il CTU procede allo svolgimento delle operazioni peritali solo se tutti i partecipanti hanno sottoscritto per accettazione, e condivisione, tale verbale con le regole anti contagio da osservare durante tutto lo svolgimento delle operazioni.
In caso contrario il CTU non dà corso alle attività e ne informa il Giudice.

RESPONSABILITÀ DA CONTAGIO
I partecipanti alle operazioni peritali possono concordemente inserire nello specifico verbale la seguente postilla:
In virtù della peculiarità della pandemia da Covid-19, e l’impossibilità di stabilire un nesso causale tra l’eventuale contagio e lo svolgimento delle operazioni peritali, il presente verbale è firmato anche per manleva di responsabilità di tutti i sottoscrittori in caso di contagio, esclusi i casi di dolo e colpa grave.